Taranta Rider

16. Salviamo la Tarantella Calabrese

Grazie ai media nazionali, che propagandano questa visione della danza tradizionale la ragazza calabrese, meschina, si é confusa e non sa che non é cosi’ che si danza la Tarantella della Calabria.

Francamente, qui in redazione ci stiamo chiedendo che cosa abbia mangiato questa ragazza prima, durante e forse anche dopo la pubblicazione di questo video

Il video é consigliatissimo per le location scelte: un parcheggio, l’asfalto cocente, il prato in aperta campagna e il garage con tanto di moto…che viene accarezzata…durante la danza…Anche la scelta dei costumi mi ha impressionato, non vedevo questo tipo di colpi di sole dagli anni 90.


tarantelle avvelenate© riproduzione riservata

TARANTA III

11. La Pizzica in abito Tradizionale e una bella Tammurriata Di Napoli

In questo video c‘è Lei, La Pizzicarella che cammina per le strade con un improbabile cinturone anni 80, trova un flauto e comincia a suonare qualcosa di strano (su cui sorvoliamo perché ci occupiamo di danza) e d’improvviso compaiono i ballerini. La Pizzicarella si trasforma in “signorina buonasera”, ovviamente le cose che dice sono assurdità complete:

  1. la “pizzica d’amore” é tradizionale (non é vero, l’affermazione non é corretta e vi consiglio di leggere Roberto De Simone)
  2. i vestiti (gonnelloni bianchi) sono tradizionali (non é vero, a quale tradizione ci si riferisce? se si parla di tarantismo a seconda del contesto le donne ballavano anche con i pigiami dell’epoca, altrimenti era il vestito della festa o quello di tutti i giorni, che non era assolutamente bianco)
  3. la Tammurriata viene da Napoli (non é vero, piuttosto dalla zona vesuviana, dell’agro nocerino sarnese)

Dopo questa lista di pensieri arbitrari assistiamo ormai inermi alla pizzica finale, in cui il maschio annusa intensamente il foulard tradizionale, e la danzatrice riesce a dare veramente il peggio di se.

Tutti i danzatori/trici che nel video agitano le manine secondo le movenze tradizionali della pizzica d’amore, vi avviso: se mai verrete a lezione da me non potro’ garantire l’incolumità delle vostre falangine e falangette.


 

tarantelle avvelenate 2013 © riproduzione riservata

La TARANTA dell’abbruzzo

15. Salviamo il saltarello

Fioccano nell’email segnalazioni su gruppi abbruzzesi…Dovendo dar conto a tanto spassionato veleno, ho fatto un riassunto:

Roby Santini, autore del successo “LA SPOSA ME”, già recensito velenosamente (qui), ha realizzato un video ufficiale del pezzo, dove vediamo il nostro esprimersi in una serenata alla finestra della SPOSA (abbigliata da pizzicarella siciliana). Forse qualcuno avrebbe dovuto spiegare al regista Lorenzo D’amelio che le riprese in notturna vanno illuminate con luce artificiale, ma tant’è, meglio così, che si vedano poco le piroette – spagnoleggianti – della sposa-me e delle sue amiche. Questo video non è di alcun interesse, se non fosse che la canzone è IDENTICA  a quella interpretata da un altro gruppo abbruzzese, BANDA PIAZZOLA, che si chiama E’ BELLE L’ABBRUZZE ME.

Proposto come un video sul saltarello, invece ci sono i componenti del gruppo in un delirio grafico che credo di poter eleggere espressione massima del folk-kitch. Le due cantanti si esibiscono in qualche passetto compiaciuto di.. di.. Sul saltarello in questo video non c’è assolutamente nulla. E’ solo un rigurgito folk. Una delle cantanti somiglia anche a Gegia.

Non c’è nulla di pizzica nel live dedicato che vede addirittura le cantanti “ballare” e cantare in contemporanea, stroppiando alla men peggio anche il testo, come da migliore tradizione dei gruppi folk Ecco le prove

Tanta orrida fantasia potrebbe (quasi) far impallidire la puglia e la sua produzione in esubero di video di pizzicarelle  e tarantate varie.


 

tarantelle avvelenate 2012 © riproduzione riservata

TARANTA

01. La pizzica all’erba

In questo video, oltre a noiosissimi minuti 25 di delirio del musicista, in cui espone idee arbitrarie su taranta e tarantismi vari, ci accorgiamo immediatamente che la danza è ridicola, patetica, eseguita da due tipe in pigiama che non posso annoverare nemmeno tra le danzatrici. Il tecnico luci, forse inconsapevole, andrebbe comunque denunciato.

C’é di peggio.  Un pirata ricoperto di strass, un ballerino sadomaso e la cantante vestita da minnie. Questa non e’ contaminazione, piuttosto comincio a credere che i componenti del gruppo siano contaminati da qualche strana forma di follia che ha poco a che vedere persino con i tarantismi fasulli evocati dal cantante.

Tutto trova una spiegazione nel “film”: EFFETTO PARADOSSO, in cui i nostri insieme allo stesso regista del loro splendido video ufficiale, ci racconteranno una imperdibile storia di un’erba magica e misteriose coincidenze: ora è chiaro da dove viene tutta quest’ispirazione! Questa non é Taranta…

NB:  la Taranta. ovvero Pizzica, la tarantella pugliese legata al fenomeno del tarantismo. Taranta é il nome del ragno e non indica purtroppo nessuna danza tradizionale.


 

tarantelle avvelenate 2012 © riproduzione riservata

TARANTA II

14. La pizzica di Barbie

Il ballo di san Vito – la saga, ovvero: Vinicio Capossela non voleva fare niente di male, lui di canzone ne ha scritta una

VOLUME PRIMO

Una bionda, sembra ubriaca, comincia a “tarantarsi”, una bruna le gira intorno preoccupata, con un tamburello. Dopo essersi dimenata e arrotolata-per quattro-cinque volte- in un grosso lenzuolo bianco colpo di scena, la bruna diventa cattiva (?), nasce una rissa lesbo tra la taranta (la bruna) e la tarantata (la bionda). Aiuto……e non è finita qui!

 

VOLUME SECONDO  

Il bassista (con l’espressione di RAY MAN) afferra la bravissima ballerina per le braccia, la sbatte un pò quasi fosse un sacco, si allontana allibito, lei cerca di lanciarsi dal palco, mentre la taranta osserva seduta e\o gridando.

 

VOLUME III ed ultimo (per adesso) 

I musicisti depongono la bionda sul palco, peripezie della taranta e la famosa pizzica della mutanda. La bravissima danzatrice condivide con il pubblico i segreti della sua biancheria intima. Inoltre, grazie alle numerose fotografie, si nota la somiglianza impressionante tra la bionda e barbie. Ecco spiegata la ricetta che merita 16000 visualizzazioni sul tube e tutti questi bravissima. Non certo i miei, che a causa della Saga ho sviluppato la psioriasi.


 

tarantelle avvelenate 2012 © riproduzione riservata

TARANTA TUTORIAL

02. Lezioni di tarantella 

Per questo tutorial abbiamo scomodato addirittura De André. La melodia di Don Raffaé accompagna questa coreografia che viene spiegata da Joey in persona.

Trovatisi in mutande in palestra, Joey e i suoi decidono di indossare le tende per coprirsi; per i restanti otto minuti (eh, lo so!) non faranno altro che ripetere sempre gli stessi passi cadenzati della pizzica. In realtà si tratta della coreografia del successo latino americano El tiburon, con tanto di battuta di mani.

LA PIZZICA NON E’ UN BALLO DI GRUPPO!!!! SI BALLA IN CERCHIO E NON SCHIERATI!!!

La conclusione a tutto cio’ é semplice: no ai balli di gruppo. Perché? Perché io preferisco la danza come atto di comunicazione e condivisione, non come movimento sterile e autoreferenziale.


 

tarantelle avvelenate 2012 © riproduzione riservata

Tammurriata nera taran-partenopea

12. Nessuno tocchi la Tammurriata!

Questo gruppo “non segue i soliti schemi della musica e della danza popolare, che vedono un totale appiattimento visto, che ognuno non fa altro che copiare il lavoro dell’altro

Per coerenza interpreta quindi Tammurriata Nera, una canzone che è stata talmente cantata che è noiosa persino al karaoke da ubriachi.

Insieme a Sandokan in persona, troppe danzatrici intente a guardarsi tra loro con finta estasi, mentre pettinano l’aria sgarbatamente con degli enormi nastri attaccati alle loro castagnette… Ciliegina sulla torta, l’appello all’unione: puglia, campania, tutta na ‘nsalata e chissenefrega, by puglia partenopea.

 

C’é anche di peggio! Ecco le prove


tarantelle avvelenate 2013 © riproduzione riservata