TARANTA III

11. La Pizzica in abito Tradizionale e una bella Tammurriata Di Napoli

In questo video c‘è Lei, La Pizzicarella che cammina per le strade con un improbabile cinturone anni 80, trova un flauto e comincia a suonare qualcosa di strano (su cui sorvoliamo perché ci occupiamo di danza) e d’improvviso compaiono i ballerini. La Pizzicarella si trasforma in “signorina buonasera”, ovviamente le cose che dice sono assurdità complete:

  1. la “pizzica d’amore” é tradizionale (non é vero, l’affermazione non é corretta e vi consiglio di leggere Roberto De Simone)
  2. i vestiti (gonnelloni bianchi) sono tradizionali (non é vero, a quale tradizione ci si riferisce? se si parla di tarantismo a seconda del contesto le donne ballavano anche con i pigiami dell’epoca, altrimenti era il vestito della festa o quello di tutti i giorni, che non era assolutamente bianco)
  3. la Tammurriata viene da Napoli (non é vero, piuttosto dalla zona vesuviana, dell’agro nocerino sarnese)

Dopo questa lista di pensieri arbitrari assistiamo ormai inermi alla pizzica finale, in cui il maschio annusa intensamente il foulard tradizionale, e la danzatrice riesce a dare veramente il peggio di se.

Tutti i danzatori/trici che nel video agitano le manine secondo le movenze tradizionali della pizzica d’amore, vi avviso: se mai verrete a lezione da me non potro’ garantire l’incolumità delle vostre falangine e falangette.


 

tarantelle avvelenate 2013 © riproduzione riservata

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s