TARANTA II

14. La pizzica di Barbie

Il ballo di san Vito – la saga, ovvero: Vinicio Capossela non voleva fare niente di male, lui di canzone ne ha scritta una

VOLUME PRIMO

Una bionda, sembra ubriaca, comincia a “tarantarsi”, una bruna le gira intorno preoccupata, con un tamburello. Dopo essersi dimenata e arrotolata-per quattro-cinque volte- in un grosso lenzuolo bianco colpo di scena, la bruna diventa cattiva (?), nasce una rissa lesbo tra la taranta (la bruna) e la tarantata (la bionda). Aiuto……e non è finita qui!

 

VOLUME SECONDO  

Il bassista (con l’espressione di RAY MAN) afferra la bravissima ballerina per le braccia, la sbatte un pò quasi fosse un sacco, si allontana allibito, lei cerca di lanciarsi dal palco, mentre la taranta osserva seduta e\o gridando.

 

VOLUME III ed ultimo (per adesso) 

I musicisti depongono la bionda sul palco, peripezie della taranta e la famosa pizzica della mutanda. La bravissima danzatrice condivide con il pubblico i segreti della sua biancheria intima. Inoltre, grazie alle numerose fotografie, si nota la somiglianza impressionante tra la bionda e barbie. Ecco spiegata la ricetta che merita 16000 visualizzazioni sul tube e tutti questi bravissima. Non certo i miei, che a causa della Saga ho sviluppato la psioriasi.


 

tarantelle avvelenate 2012 © riproduzione riservata

Advertisements

TARANTA TUTORIAL

02. Lezioni di tarantella 

Per questo tutorial abbiamo scomodato addirittura De André. La melodia di Don Raffaé accompagna questa coreografia che viene spiegata da Joey in persona.

Trovatisi in mutande in palestra, Joey e i suoi decidono di indossare le tende per coprirsi; per i restanti otto minuti (eh, lo so!) non faranno altro che ripetere sempre gli stessi passi cadenzati della pizzica. In realtà si tratta della coreografia del successo latino americano El tiburon, con tanto di battuta di mani.

LA PIZZICA NON E’ UN BALLO DI GRUPPO!!!! SI BALLA IN CERCHIO E NON SCHIERATI!!!

La conclusione a tutto cio’ é semplice: no ai balli di gruppo. Perché? Perché io preferisco la danza come atto di comunicazione e condivisione, non come movimento sterile e autoreferenziale.


 

tarantelle avvelenate 2012 © riproduzione riservata